Alternativa gratuita a Microsoft Office: prova OpenOffice, leggero e compatibile


Alternativa gratis Microsoft Office: OpenOffice

Una schermata del software opensource OpenOffice.

In molti hanno Microsoft Office in versione originale, qualcuno in versione contraffatta (tema che qui non tratteremo). I pregi della suite di Redmond di programmi per l’ufficio sono decisamente noti: è universalmente utilizzato per creare e gestire documenti (file di testo, fogli di calcolo, presentazioni), non è difficile da usare, è versatile e stimare se offre il giusto o meno per quello che costa non sta a noi giudicarlo.

Purtroppo il problema è che spesso la suite è incompleta, a pagamento – questo è il limite più grosso – e soprattutto irritante, ad esempio quando permette di visualizzare i file scaricati da Internet ma non consente di modificarli, bloccando la maggiorparte delle funzioni. Tutti questi problemi possono essere superati.

Se ci interessa scrivere testi in formato .doc e aprirne di altri scritti con lo stesso Microsoft Office, esiste un programma gratuito e opensource che funziona sugli stessi principi e ha le stesse sue identiche funzioni, e persino qualche altra miglioria. Stiamo parlando di OpenOffice, come avrete capito, che oltre al fatto di essere gratuito è anche molto più veloce ad avviarsi e più leggero nell’installazione, ed ha una schermata molto familiare se già eravate abituati alla suite di casa Microsoft

Il link per il download dell’ultima versione di OpenOffice lo trovate sul sito ufficiale cliccando qui.

Lascia un commento o chiedici aiuto qua sotto...

© 2016 Amico Geek · Alcuni diritti riservati secondo licenza Creative Commons. In caso di riproduzione, citare espressamente la fonte tramite follow link.