Creare immagini con primo piano in risalto (effetto tilt-shift)


Se siete esperti di fotografia oppure sapete utilizzare bene programmi quali Adobe Photoshop e altri software di grafica, saprete certamente cosa si intende per effetto tilt-shift. E’ una particolare tecnica, in genere ottenuta tramite gli obiettivi di macchine fotografiche professionali, che consente di elaborare diversi piani di fuoco, ovvero – in sostanza – mettere in evidenza un piano di osservazione rispetto ad un altro.

Osservando la foto sopra capite immediatamente di cosa si tratta: il fotografo, in questo caso, ha messo a fuoco il piano intermedio, rappresentato dalla base della Tour Eiffel, ottendo un gradevole effetto sfocato per gli oggetti in primissimo piano e per quelli più lontani.

Sono molte le persone che si domandano come fare, dunque, a mettere in risalto un particolare elemento dell’immagine per ottenere l’effetto tilt-shift quando non si possiede una macchina fotografica costosa. Bene, non è affatto difficile: in genere basta applicare una particolare funzione o, nel caso peggiore, selezionare la parte da “escludere” e poi applicarvi una sfocatura semplice.

Oggi però questo procedimento è reso estremamente semplice da un’applicazione web gratuita: si tratta del sito TiltShiftMaker, che consente di dare uno stile davvero originalissimo alle nostre foto senza avere nessuna conoscenza in materia di grafica digitale. Basta caricare l’immagine di nostro interesse o indicare l’URL di una che si trova sul web ed il gioco è fatto: attraverso semplici opzioni (in inglese, purtroppo) potremo decidere il livello della sfocatura, la zona da mettere in risalto e tanti altri dettagli. Il risultato spettacolare è assicurato.

Lascia un commento o chiedici aiuto qua sotto...

Questo articolo ha ricevuto 2 commenti. Commenta anche tu!

  1. maria scrive:

    Bisogna però essere a conoscenza ,almeno, del fatto che non tutte le foto si prestano bene per questo effetto..

© 2016 Amico Geek · Alcuni diritti riservati secondo licenza Creative Commons. In caso di riproduzione, citare espressamente la fonte tramite follow link.