Google Drive, alternativa a Dropbox con 5 Gb gratis


Google Drive: recensione, download dell'alternativa a Dropbox

Vi abbiamo già parlato di Dropbox, il software gratuito per avere a disposizione uno spazio gratuito di archiviazione e condivisione file ovunque vi troviate (dal pc e dal cellulare). Una sorta di cartella “cloud” in cui inserire i propri file e ritrovarli in tutti i pc connessi dallo stesso account Dropbox: qui potete leggerne la recensione. In passato abbiamo anche parlato di Ubuntu One e Microsoft SkyDrive, le sue alternative più popolare.

Oggi vi invece vi proponiamo un’altra alternativa a questo software divenuto estremamente diffuso negli ultimi mesi: è Google Drive, nato dalla ceneri di Google Docs e disponibile già per tutte le piattaforme. Drive offre più o meno tutti i servizi di file sharing offerti da Dropbox, con qualcosa in più.

Anzitutto troviamo anche su Drive sia l’interfaccia web per gestire e condividere i propri file (la vecchia interfaccia di Google Documenti appunto), sia il programma da installare su Windows/Mac/Linux che vi crea una cartella ad hoc sincronizzata tra tutti i pc che usate. Di diverso abbiamo che lo spazio gratuito a disposizione è di ben 5 gigabyte, come su Ubuntu One, contro i due di Dropbox.

Inoltre ovviamente abbiamo a disposizione tutti i tool online di Google per la modifica dei documenti: gli equivalenti di Word, Excel e Powerpoint, più altri strumenti minori per gestire immagini, PDF e via dicendo. Davvero ottimo. Da notare anche la possibilità di condividere con chi si vuole una cartella o un file attraverso la creazione di link e la gestione dei permessi.

Dove troviamo Google Drive? Semplice: accediamo al nostro account Google o andiamo direttamente al sito ufficiale. Se invece volete scaricare e installare la comoda applicazione per pc (a breve disponibile anche sugli smartphone), è sufficiente eseguire il download di Google Drive.

Lascia un commento o chiedici aiuto qua sotto...

© 2016 Amico Geek · Alcuni diritti riservati secondo licenza Creative Commons. In caso di riproduzione, citare espressamente la fonte tramite follow link.